Chi siamo

Il Mondo di Atlantis, l'unico Club Privè aperto 365 giorni l'anno.
Leggi di più

Contatti

Via del Prato della Corte 1511,
00123 Roma
+39 06 3361 6997
+39 333 320 5675

CODICE ETICO
Associazione Il Mondo di Atlantis

 

 

PREMESSA GENERALE

"Il mondo di Atlantis" è un'esperienza associativa che si colloca lungo un percorso culturale non convenzionale, caratterizzato da un'interpretazione   della sessualità nei termini di un vissuto privato, insuscettibile di qualificazione morale, perché basato sulla libertà di autodeterminazione e sul consenso.

All'interno di una concezione radicalmente edonistica della pratica sessuale, la coppia è   vista essenzialmente come un luogo di piacere individuale, in quanto tale si tratta di aprirsi all'ingresso di altre soggettività, nel segno della piena libertà di scelta della persona umana.

Naturalmente l'Associazione è consapevole del fatto che il carattere profondamente alternativo dei suoi codici relazionali richiede un maggiore impegno di responsabilità nel definire i criteri di convivenza tra la diversità e la legalità.

La natura distorsiva dello scambio rispetto al modello "naturale" di coppia, infatti, non piace la pratica ai limiti della società e, precipuamente, in quello spazio di penombra istituzionale dove immancabilmente ogni struttura disciplinare è indebolita e più facilmente esposta alle approssimazioni della devianza.

Nella cornice di queste notizie prende la forma di necessità di un proprio codice di comportamento, nel quadro delle previsioni generali del D.lgs. 231/2001, potrebbe fondare un sistema di autonormazione in grado di prevenire gli effetti della marginalità sotto la specie specifica della commissione dei reati.

A tal ultimo proposito l'Associazione ha inteso riconoscere come rilevanti   le disposizioni della legge circa i reati di induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, motivo per quale viene esteso, su base volontaria, lo scopo dell'implementazione del modello ex. Dlg.s 231/01 anche alla suddetta tipologia di reato.

 

AMBITO DI APPLICAZIONE

Le disposizioni stabilite nel presente codice vincolano i Soci ordinari, i Soci Affiliati, i rappresentanti dell'Associazione (Presidente, Vice Presidente, Segretario Amministrativo, Membri del Consiglio Direttivo, Membri del Collegio dei Probiviri). Esse, ove richiesto e rilevante, vincolano, anche, gli eventuali collaboratori e consulenti esterni, nel caso in cui si intende in nome e / o per conto dell'Associazione.

L'Associazione si impegna alla diffusione del Codice etico, al suo periodico aggiornamento e alla messa a disposizione di ogni possibile strumento che ne favorisca la piena applicazione.

 

DISPOSIZIONI GENERALI

L'Associazione promuove   il diritto alla libertà di espressione in tema di sessualità, nella tutela del consenso e dell'autodeterminazione delle persone.

Le sue regole sono improntate al   rispetto del principio di tolleranza e di non discriminazione.

L'Associazione si impegna a   contrastare qualsiasi situazione o comportamento che favorisca la commissione di atti di prostituzione e più in generale qualsiasi comportamento che violi la dignità e integrità personale.

Ogni attività dell'Associazione Il mondo di Atlantide viene svolta nel pieno rispetto della legge e dei regolamenti vigenti

 

LINEA GUIDA DI COMPORTAMENTO PER GLI ASSOCIATI

Ogni associato è tenuto al rispetto delle leggi vigenti.

L'Associazione rispetta la pluralità culturale e vieta qualsiasi offesa dei sentimenti morali o religiosi.

La frequentazione dei locali dell'Associazione non dà diritto ad ottenere prestazioni sessuali.

L'associazione promuove un modello di organizzazione diretta a garantire l'assunzione del divieto di prostituzione.

E 'vietato l'uso di stupefacenti.

Il comportamento degli associati è oggetto di specifica disciplina da parte del "Regolamento dell'Associazione".



GARANZIE PER L'ATTUAZIONE DEL CODICE - L'ORGANO DI VIGILANZA

L'attività di controllo in ordine all'osservanza e all'applicazione del Codice è affidata ad un Organismo di vigilanza, che, fermo restando quanto richiesto nell'apposito documento ufficiale '' Disciplina e compiti dell'OdV '' del Modello), in relazione al presente protocollo, avrà il compito di:

• curare la diffusione del Codice presso gli Associati ed eventuali terzi interessati

• provvedere alla redazione delle proposte di aggiornamento e revisione periodica del Codice Etico che saranno approvate dal Consiglio Direttivo e dal Collegio dei Probiviri;

• esprimere   pareri in merito alla revisione delle   procedure organizzative, al fine di garantire la coerenza con il Codice e il Modello 231

• esaminare i casi di violazione del codice e stabilire le norme da applicare

• riferire periodicamente al Consiglio Direttivo sull'attività svolta e sulle problematiche connesse all'attuazione del Codice etico.

 

SEGNALAZIONE DELLA VIOLAZIONE DEL CODICE ETICO

I componenti degli organi sociali, i Soci ed i Terzi Destinatari sono tenuti a dare tempestiva informazione all'Organismo di Vigilanza (di seguito, per brevità, 'OdV'), quando sono riservati una conoscenza di violazioni anche solo possibilità, gli obblighi dell ' attività dell'Associazione, delle norme di legge o dell'assicurazione, del Modello, del presente Codice Etico, delle procedure dell'associazione.

In ogni caso, devono essere obbligatoriamente e immediatamente trasmesse all'OdV le informazioni:

 

1. che può avere attinenza con violazioni, anche potenziale, del Modello, incluse, senza che costituisca necessario:

Indicazioni richieste richieste ricevute da Soci o personale ritenuto in contrasto con la legge, la normativa interna, o il Modello;

 eventuali richieste di qualsiasi utilità provenienti da pubblici ufficiali o incaricati di servizio pubblico;

Sc eventuali scostamenti richiesti dal budget o anomalie di spesa, emersi dalle richieste di garanzia nella fase di consuntivazione del Controllo di Gestione;

 eventuali omissioni, trascuratezze o falsificazioni nella tenuta della contabilità o nella conservazione della documentazione su cui si fondano gli avvisi contabili;

Provvedimenti i controlli e / o le notizie provenienti da organi di polizia giudiziaria o da qualsiasi altra autorità dalla quale si evinca lo svolgimento di indagini che interessano, anche indirettamente, l'Associazione, dei componenti degli organi sociali;

Notizie sulle notizie relative ai procedimenti disciplinari in corso e alle eventuali notifiche irrogate ovvero la motivazione della loro archiviazione.

 

2. relativa all'attività dell'Associazione, che può assumere rilevanza quanto all'espletamento da parte dell'OdV dei compiti ad esso assegnati, inclusi, senza che ciò costituisca fornito:

 i rapporti preparati durante le fasi di audit;

Notizie sulle notizie relative ai cambiamenti organizzativi;

Aggiornamenti gli aggiornamenti del sistema dei poteri e delle deleghe;

Comunicazione ogni comunicazione riguardante gli aspetti che possono indicare una carenza dei controlli interni;

Decisioni sulle decisioni relative alla richiesta, erogazione ed utilizzo di finanziamenti pubblici;

 

Le comunicazioni all'OdV possono essere effettuate sia a mezzo mail (all'indirizzoodv@ilmondodiatlantis.com) e sia per iscritto all'indirizzo: Organismo di Vigilanza, Associazione Il Mondo di Atlantide, Via xxxxxx xxx - 00100 Roma.

In ogni caso, l'OdV controlla la persona che controlla la comunicazione, qualora identificata o identificabile, non sia oggetto di ritorsioni, discriminazioni o, comunque, penalità, assicurandone, quindi, la riservatezza impongano diversamente).

 

COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEL CODICE ETICO

L'Associazione si impegna a garantire una puntuale diffusione interna ed esterna del Codice Etico tramite:

 distribuzione a tutti i componenti degli Organi sociali e tutti gli Associati;

 affissione in luogo accessibile a tutti;

 mettendo a disposizione dei Terzi Destinatari e di qualunque altra cosa interlocutore sul sito internet dell'Associazione;

 

L'Organismo di Vigilanza predispone e prevede periodiche iniziative di formazione sui principi del presente Codice, pianificato anche in considerazione dell'esigenza di differenziare le attività in base al ruolo e alla responsabilità delle risorse interessate, ovvero utilizzare la previsione di una formazione più intensa e evidenziare da un livello più elevato di approfondimento per i soggetti qualificabili come 'apicali' alla stregua del decreto, nonché per coloro che considerano gli aspetti nelle aree qualificabili come "a rischio" ai sensi del Modello.

Nei contratti con i Terzi Destinatari, è, inoltre, prevista la clausola di clausole e / o la sottoscrizione delle dichiarazioni volte sia sia un formalizzare l'impegno al rispetto del Modello e del presente Codice, sia a disciplinare le regole di natura contrattuale, per l'ipotesi di violazione di tale impegno.

La messa a punto e l'effettiva implementazione di tali clausole sarà curata dal Responsabile Legale dell'Associazione.

 

SISTEMA SANZIONATORIO

L'Organo di Vigilanza ha il compito di definire e aggiornare il sistema sanzionatorio, teso ad assicurare il rispetto delle norme stabilite nel Codice Etico.

Il sistema sanzionatorio, la cui struttura prevede le singole fattispecie di violazione del codice con le relative restrizioni applicate, è formalizzato in dettaglio con uno specifico documento da sottoporre l'approvazione del Consiglio direttivo e dell'Organismo di Vigilanza; il documento è allegato al presente Codice Etico e ne fornito parte integrata.

RESPONSABILITÀ NEI CONFRONTI DEGLI ASSOCIATI E TUTELA DELLA RISERVATEZZA

L'Associazione promuove il rispetto dell'integrità fisica e culturale della persona.

Chiunque subisca all'interno dell'Associazione una costrizione o istigazione a violare le leggi vigenti ha l'obbligo di farne prontamente comunicazione all'ODV.

L'Associazione assicurata la riservatezza delle informazioni in proprio possesso, l'osservanza della normativa in materia dei dati personali e si astiene dal ricercare dati riservati attraverso mezzi illegali.

Nel caso di trattamento dei dati sensibili, ai sensi del D.Lgs. 196 del 2003 "Codice della privacy", l'Associazione   adotta tutte le precauzioni obbligatorie e uniformi agli adempimenti prescritti dalla legge.

 

RAPPORTI CON SOGGETTI ESTERNI

 

- I FORNITORI

Le politiche di acquisto di beni e servizi dell'Associazione sono informate al rispetto della legalità, nell'osservanza delle procedure di controllo interno e della trasparenza e correttezza contabile. In particolare, l'Associazione predispone opportuna procedura per garantire un'adeguata concorrenza per ogni processo di acquisto nonché la massima trasparenza delle operazioni di selezione del fornitore e di acquisto di beni e servizi, dirette a scongiurare, usando, la commissione di illeciti di ricettazione e riciclaggio.

A tal fine, è prevista la creazione di un apposito Albo dei fornitori.

- LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Per Pubblica Amministrazione si intendono gli enti pubblici e gli enti privati ​​che esercitano l'organizzazione nel regime di concessione amministrativa.

L'assunzione di impegni con la pubblica amministrazione e con le pubbliche istituzioni è riservata alle funzioni associative preposte ed autorizzate, le quali sono tenute ad assolvere i propri compiti con integrità, indipendenza e correttezza.

E 'vietato promettere od offrire a pubblici ufficiali, o dipendenti in genere della pubblica amministrazione o di pubbliche istituzioni, pagamenti o beni per promuovere o favorire gli interessi dell'Associazione.

Chiunque riceva richieste o proposte di benefici da pubblici funzionari deve immediatamente riferirsi all'Organo di Vigilanza.



- LE ORGANIZZAZIONI POLITICHE E SINDACALI

I principi di trasparenza, indipendenza ed integrità debbono caratterizzare i rapporti intrattenuti dall'Associazione con le politiche e sindacali.

I rapporti con queste ultime sono improntati su una preferenza dialettica, senza alcuna discriminazione o diversità di trattamento.

L'associazione non ammette l'erogazione di contributi diretti o indiretti, in denaro, in natura o in altra forma a partiti politici, movimenti, comitati e trattati politiche e sindacali, né ai loro rappresentanti, che usano, in qualche modo, essere ricondotta ad intenzioni dell'Associazione.

 

RAPPORTI CON LA STAMPA ED UTILIZZO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE.

L'Associazione si rivolge agli organi di stampa e alla comunicazione di massa attraverso gli organi statutari e attraverso i componenti interni a ciò delegati. Questa notifica con un atteggiamento di massima precisione, disponibilità e trasparenza, nel rispetto della politica di comunicazione stabilita dall'Associazione. In ogni caso, le informazioni e le comunicazioni relative all'Associazione e destinate all'esterno, d

 

sarà possibile essere accurati, veritiere,   trasparenti e non contrarie alla normativa vigente.

Particolare cura viene destinato al controllo della gestione del proprio sito internet, i cui contenuti devono essere protetti dalla normativa vigente e tali da evidenziare il ripudio della pornografia minorile e di ogni forma di sfruttamento della prostituzione.

 

DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI

Il presente codice   è stato adottato con delibera del Consiglio direttivo nei dati 5 agosto 2009, ed entra in vigore con efficacia immediata.

Ogni aggiornamento, modifica o aggiunta al presente codice etico deve essere approvato dal Consiglio direttivo dell'Associazione.

 


Scarica il PDF Codice Etico